27 Aprile 2016

Archeologi polacchi recuperano i monumenti di Palmira, in Siria

La statua del leone dal tempio di Allat è in condizioni migliori di quanto precedentemente ritenuto dagli scienziati. Foto di Bartosz Markowski
La statua del leone dal tempio di Allat è in condizioni migliori di quanto precedentemente ritenuto dagli studiosi. Foto di Bartosz Markowski
I Polacchi dell’Università di Varsavia sono stati i primi archeologi stranieri a partecipare al recupero dei monumenti dalle rovine di Palmira in Siria – solo pochi giorni dopo la ricattura dallo Stato Islamico (IS). Hanno presentato i risultati del loro lavoro lo scorso mercoledì all’Università di Varsavia.
Gli archeologi dell’Università di Varsavia (UW) hanno lavorato a Palmira dal 7 al 17 Aprile. Sono andati dietro invito del Direttorato Generale per le Antichità e i Musei in Siria. Hanno presentato i risultati del loro lavoro durante una conferenza stampa a Varsavia.
“Siamo stati i primi specialisti esteri nel campo dell’archeologia e conservazione ad arrivare a Palmira poco dopo che fu ricatturata dallo Stato Islamico” – ha affermato in un’intervista a PAP il conservatore d’arte Bartosz Markowski, che era a Palmira con l’archeologo Robert Żukowski del Centro di Archeologia Mediterranea dell’Università di Varsavia.
Bartosz Markowski al lavoro all'interno del museo, foto di Robert Żukowski
Bartosz Markowski al lavoro all’interno del museo, foto di Robert Żukowski

Per una settimana, gli archeologi polacchi hanno cercato tra le migliaia di frammenti dei monumenti che appartenevano al museo a Palmira, distrutti dalla guerra. Di circa duecento sculture e bassorilievi, sono stati in grado di ritrovare la maggior parte dei frammenti di circa 130 monumenti. “La qualità della loro conservazione futura dipende da queste azioni – se nel futuro vedremo a Palmira monumenti rotti, incompleti, ma originali, o loro ricostruzioni più o meno riuscite” – così ha affermato l’esperto.
Attualmente i monumenti sono ancora nel museo; sono pronti ad essere posti nelle scatole ed evacuati verso un luogo dove saranno oggetto di restauro.
Bartosz Markowski al lavoro all'interno del museo, foto di Robert Żukowski
Bartosz Markowski al lavoro all’interno del museo, foto di Robert Żukowski

“Sfortunatamente, la maggior parte dei reperti nel museo sono stati distrutti – di circa duecento sculture collocate sul piano terra, solo quattro rimangono intatte. Lo scopo della nostra spedizione era quello di raccogliere quanti più frammenti possibile delle sculture danneggiate. Le loro parti erano mescolate alle macerie, ai vetri rotti e a pezzi di mobilio. L’edificio del museo è in condizioni terribili, è stato bombardato diverse volte. Il nostro obiettivo chiave era quello di selezionare i frammenti delle sculture, di modo che non fossero rimossi durante i lavori di riparazione” – ha affermato Markowski.
Robert Żukowski si fa strada sul piano terra del museo demolito, foto di Bartosz Markowski
Robert Żukowski si fa strada sul piano terra del museo demolito, foto di Bartosz Markowski
Coinvolti nel progetto sono stati pure i restauratori e archeologi siriani che hanno recuperato i mosaici distrutti durante il bombardamento e inventariato i reperti in magazzino.
Il conservatore polacco ha spiegato che il danno principale ai monumenti ha riguardato la rottura dei dettagli delle figure con martelli (i volti e le mani o le bocche degli animali ritratti nelle opere d’arte), che i fondamentalisti hanno distrutto per ragioni ideologiche. “Queste sono le raffigurazioni per le quali Palmira era famosa. Erano monumenti unici” – ha aggiunto Markowski.
I polacchi hanno pure condotto una ricognizione delle rovine dell’antica città. Hanno pre-stimato la scala della distruzione dei templi di Bel e Baalshamin e dell’Arco di Trionfo.
“Non sono un architetto, ma penso che ci sia moltissimo da recuperare. Le strutture sono cadute, ma i blocchi di costruzione sono ancora lì. Non cambia il fatto che la ricostruzione sarà un’enorme investimento – ha affermato Markowski. La loro condizione non cambierà nel futuro prossimo – un’azione urgente e immediata non è necessaria in questo caso – al contrario che per il museo, dove per le sculture c’erano molti frammenti rotti e mescolati. Era importante evitare la rimozione accidentale di frammenti di sculture insieme alle macerie”.
Durante la permanenza degli esperti polacchi, è proseguita l’azione dei genieri russi che sminavano il sito di scavo.  Quest’area è tuttora inaccessibile a causa delle numerose bombe inesplose.
Markowski ha portato le buone notizie sul simbolo di Palmira – la statua del leone dal Tempio di Al-lāt, scoperta durante gli scavi polacchi, che per decenni è rimasta in piedi di fronte all’entrata del museo. Gli studiosi temevano che fosse completamente distrutta.
“Mi aspettavo che fosse stato fatto saltare in aria e polverizzato. Il leone, tuttavia, è ancora intatto, solo rovesciato, probabilmente con un bulldozer o con un’altra grande macchina. La struttura in cemento rinforzato che lo sosteneva, è rotta, ma gli elementi in pietra ad esso ancorato sono ancora uniti insieme. La bocca ha subito la maggior parte del danno. Sarà certamente possibile rimettere in piedi di nuovo la scultura e restaurarla, ma le tracce dei danni causati dalla crisi resteranno per sempre visibili” – ha affermato Markowski.
La vicina città araba contemporanea – Tadmor, che era una base per i turisti verso le antiche rovine, è deserta. “Case, hotel, negozi, souk – il mercato, i ristoranti – sono distrutti. Solo l’esercito siriano e quello russo sono stazionati nella città. Gli ex abitanti sono tornati solo per recuperare il resto dei loro possedimenti” – ha affermato Markowski.
“Abbiamo ricevuto parole di sincera gentilezza e inusuale felicità dai Siriani, che qualcuno fosse interessato al problema, che non erano rimasti soli. Hanno davvero apprezzato noi, Polacchi, specialmente ora” – Robert Żukowski ha così riferito ai reporter.
Markowski ha affermato che il ritorno a Palmira non è stato ancora programmato. “Dipende dalle autorità siriane e dalle autorità internazionali che prepareranno i progetti di conservazione. Quello che abbiamo fatto è un’apertura, un prologo alla preparazione di tali progetti” – Markowski ha spiegato ai reporter.
“Palmira non sarà mai più esattamente come la ricordavamo. Come consolazione, dobbiamo dire che non era così in tempi antichi – ciò è ovvio. Prima di tutto, finora abbiamo dissotterrato non più del 20 per cento dell’antica città. Il resto è ancora al sicuro sotto terra e nel futuro i nostri successori probabilmente arricchiranno le collezioni del museo a Palmira e mostreranno nuovi monumenti di questa antica civiltà” – così il precedente Direttore del Centro di Archeologia Mediterranea, prof. Michał Gawlikowski, durante la conferenza stampa.
La ricerca a Palmira cominciò col pioniere dell’archeologia polacca mediterranea, prof. Kazimierz Michalowski. La spedizione dal Centro di Archeologia Mediterranea dell’Università di Varsavia lavorò qui dal 1959 al 2011. In seguito, il lavoro è stato sospeso a causa dello scoppio del conflitto armato. I monumenti dell’antica città divennero un bersaglio dello Stato Islamico nel 2015. Palmira era nota principalmente per la sua architettura scenica e monumentale – lunghi colonnati e numerosi templi dedicati a varie divinità. La città divenne un Sito Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1980. Era un’importante attrazione turistica in Siria.
I Siriani presentarono una proposta ai Polacchi per il loro ritorno agli inizi di Aprile, durante la conferenza “I Polacchi nel Medio Oriente” all’Università di Varsavia.
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.