House of Gucci

House of Gucci - i Soprano della moda

House of Gucci è uno dei film più attesi di questa stagione cinematografica. Abbiamo trascorso la seconda metà del 2020 osservando le svariate foto rubate dal set, osservando le metamorfosi degli attori e recuperando la vera storia dell'omicidio Gucci. House of Gucci arriva in pompa magna nelle sale cinematografiche internazionali chiudendo ufficialmente il 2021. Tuttavia, ora è giunto il momento di chiederci se il tanto atteso film di Ridley Scott abbia soddisfatto i palati di pubblico e critica.

House of Gucci
La locandina italiana di House of Gucci, per la regia di Ridley Scott, prodotto (2021) da Metro-Goldwyn-Mayer, Bron Studios, Scott Free Productions e distribuito da Eagle Pictures Italia

 

House of Gucci: la trama

House of Gucci ha inizio con la presentazione del personaggio di Patrizia Reggiani (Lady Gaga) nel 1978. Patrizia lavora nell'impresa di famiglia, dedita all'affitto di camion da lavoro, ma sogna una vita diversa. Una sera incontra Maurizio Gucci (Adam Driver) erede di uno degli imperi della moda più noti a livello mondiale. Maurizio, al contrario di Patrizia, ha un carattere mite e riservato. Vorrebbe proseguire gli studi di giurisprudenza e mantenere le distanze dall'azienda Gucci. Patrizia, dopo aver sposato Maurizio, lo convince a riprendere i rapporti con la famiglia grazie all'aiuto dello zio Aldo Gucci (Al Pacino).

Il plot twist avviene nel momento in cui Rodolfo Gucci (Jeremy Irons), padre di Maurizio, muore senza aver firmato un documento che cederebbe le quote dell'azienda al figlio. In questo momento si comincia a vedere la vera personalità di Patrizia. La Reggiani, tramite azioni illegali e manipolazioni sessuali e psicologiche, diverrà la signora Gucci a tutti gli effetti, manovrando ogni decisione di Maurizio e Aldo. Compreso che Aldo e suo figlio Paolo (Jared Leto) potrebbero essere di intralcio al successo di Gucci, Patrizia convince Maurizio a tradirli e a diventare il capo di maggioranza.

L'unico modo per spezzare questa catena di tradimenti e bugie è quello di terminare l'Idillio amoroso tra i due protagonisti. Maurizio si rende conto di non essere felice e di volere una vita diversa e lontana dalle braccia della moglie. Così chiede il divorzio credendo di aver ottenuto la libertà. Non sa che Patrizia, grazie all'amica cartomante Pina (Salma Hayek), sta progettando una vendetta personale.

House of Gucci

 

Italianità

House of Gucci

Come detto nel primo paragrafo, House of Gucci è stato mitizzato sin dall'inizio della sua produzione. Il mito ha preso il via già dall'annunciazione di attrici e attori protagonisti ottenendo il suo culmine con la pubblicazione delle foto dai set italiani. Scott è riuscito ad affittare mezza Italia in piena pandemia, garantendo a staff e attori un soggiorno controllato e sicuro. Lo scopo del regista era ritrarre una famiglia italiana potente ed influente. Peccato che quando si tocca il concetto di famiglia all'italiana l'ideologia americana sfoci sempre in due stereotipi: la famiglia caciarona o la famiglia mafiosa. Nel caso di House of Gucci ci troviamo nella seconda categoria.

La rappresentazione della famiglia Gucci, partendo dal suo capostipite Rodolfo, è una vera e propria messa in scena mafiosa. Ovvero una famiglia ricca, con un'evasione fiscale alle stelle e che dialoga come se si trovasse al centro di una piazza italiana in piena Commedia dell'Arte. Ci sembra di assistere ad una puntata de I Soprano. I Gucci non hanno assolutamente niente di differente a parte, forse, i rapporti ufficiali con le star.

House of Gucci

Adam Driver ha una recitazione abbastanza statica, ma in questo caso giustificata considerando che Maurizio Gucci non è mai stato ricordato per il suo appeal. La vera protagonista, ovviamente, è Lady Gaga che ruba la scena con la sua Patrizia Reggiani. L'interpretazione della Germanotta è eccessiva, arriva al limite del grottesco o del trash. Però, a conti fatti, questo non ci disturba, poiché l'intera narrazione filmica pare voler prepotentemente sfociare nel trash estremo.

House of Gucci

 

House of Gucci: regia e contrasti

Ridley Scott è un nome che non ha bisogno di presentazioni. Scott è stato uno dei padri fondatori della New Hollywood e regista di film importantissimi per la storia del cinema. Come ogni cineasta gli è concesso fare degli "scivoloni". Ma House of Gucci può ritenersi tale? La regia è pulita, quasi asettica a tratti. Il ritmo del film segue uno schema molto classico e si basa molto sul dialogo e sull'uso del campo e controcampo. E questo, a tratti, stona con ciò che avviene nella messa in scena. Se si decide di mostrare una situazione valorizzandone gli eccessi anche la regia dovrebbe essere tale. Tuttavia, le due ore e mezza di pellicola scorrono senza appesantire troppo lo spettatore, eppure sembra sempre mancare qualcosa.

House of Gucci è ancora nei cinema e continua a portare pubblico in sala. Nonostante i dubbi lasciati a fine proiezione, ci troviamo davanti ad un film godibile. Un film che a tratti potrebbe irritare l'italiano non avvezzo a quelli che sono gli stereotipi degli USA verso il prototipo dell'italiano medio.

House of Gucci

House of Gucci

Si ringrazia Eagle Pictures per le foto e locandina. Video da Ufficio Stampa Fosforo.


Ridley Scott: l'esordio letterario di Riccardo Antoniazzi

Riccardo Antoniazzi, Ridley Scott. Cinema e visioni della New Hollywood - recensione

Ridley Scott è uno dei registi contemporanei più noti a livello internazionale. Il regista americano, conosciuto al grande pubblico per successi come Alien Blade Runner, è un maestro cinematografico degno di nota e il libro del giovane Riccardo Antoniazzi ne ripercorre fedelmente lo stile e la carriera.

Da critico a saggista

Riccardo Antoniazzi si è formato curando rubriche cinematografiche e sul sito MyWhere, in modo particolare ricordiamo le sue note top 10. Con Ridley Scott. Cinema e visioni della New Hollywood lo scrittore comincia un'avventura verso differenti lidi. Non solo muta lo stile, da scrittura giornalistica a saggistica, ma anche la visione del suo stesso autore. Il libro, edito da Edizioni NPE, è un saggio completo che viaggia all'interno della vita artistica di Scott non tralasciando nessuna tappa. Antoniazzi si concentra sui primi spot pubblicitari di Ridley Scott sino ad arrivare ai grandi successi di pubblico e critica.

Il fascino di Ridley Scott, secondo Riccardo Antoniazzi

Riccardo Antoniazzi gestisce questo saggio cinematografico come un appassionato cinefilo e devoto spettatore. Ridley Scott è, a tutti gli effetti, uno dei registi più versatili della New Hollywood e il saggio in questione ci restituisce proprio questo senso di continuo adattamento appartenente al regista americano.

Il cinema di Ridley Scott può essere diviso nella creazione di due mondi opposti tra di loro: il cyberpunk e il kolossal storico. In un certo senso, Scott è riuscito a coniugare passato e futuro creando pellicole memorabili e ben analizzate durante l'intero saggio. Una nota importante che il saggista tende a sottolineare, risiede nella grande influenza di Scott verso le future generazioni di cineasti. Un esempio tra tutti è Denis Villeneuve, fresco di applausi dalla 78esima Mostra del Cinema di Venezia con il suo Dune.

Non solo visioni futuristiche ma anche visioni del passato e rielaborazioni. Dal più noto e acclamato Il gladiatore sino al "meno amato" Le crociate - Kingdom of Heaven, lo stile della New Hollywood si impone come sguardo alternativo su un passato le cui leggende possono ancora influenzare il presente. Un passato, per l'appunto, che necessita di essere reinterpretato e reso fruibile per lo spettatore senza, ovviamente, stravolgere la Storia.

Riccardo Antoniazzi Ridley Scott Cinema e visioni della New Hollywood
La copertina del saggio di Riccardo Antoniazzi, Ridley Scott. Cinema e visioni della New Hollywood, pubblicato da Edizioni NPE (2021)

Un regista in declino?

Negli ultimi cinque anni molti critici cinematografici e cinefili hanno definito la carriera di Ridley Scott conclusa. Il saggio di Riccardo Antoniazzi ci dimostra come questa affermazione sia fortemente errata. Non solo il saggio, ma anche i due film di Scott in uscita questo autunno House of Gucci e Assassinio sul Nilo ci confermano che il genio di Ridley Scott ha ancora tanto da dire e comunicare al pubblico.

Ridley Scott. Cinema e visioni della New Hollywood è un'opera adatta a chiunque. Non si tratta di un saggio scritto appositamente per gli appassionati di Scott e per gli esperti di un certo linguaggio cinematografico. La bellezza di questo libro risiede nella sua chiarezza linguistica e nella capacità di Antoniazzi di trasmettere l'ammirazione ed il rispetto che nutre nei confronti del regista. Che siate appassionati, curiosi o semplicemente lettori di passaggio, soffermatevi su questo saggio, godetene e poi, soprattutto, cominciate a vedere film di Ridley Scott!

Riccardo Antoniazzi Ridley Scott
La copertina del saggio di Riccardo Antoniazzi, Ridley Scott. Cinema e visioni della New Hollywood, pubblicato da Edizioni NPE (2021)

 

https://issuu.com/edizioninpe/docs/preview_ridley_scott