Museo di Casa Martelli: ecco la nuova guida

Museo di Casa Martelli: ecco la nuova guida

800px-Casa_martelli_11

È prevista per giovedì 3 marzo, alle 17, nella sala da ballo dello stesso museo di via Zannetti 8, a Firenze la presentazione della Guida del Museo di Casa Martelli, l’agile libro edito da Sillabe di Livorno e curato da Monica Bietti e Maurizio Zecchini.
Ultimo nato fra i musei statali fiorentini (è aperto dal 2009), il Museo di Casa Martelli era una casa privata trasformata in museo che ha mantenuto tutto il suo carattere di stratificazione di vita vissuta.
Un palazzo denso di storia e ricco di un’aura che trasmette il vivere e il sentire di una nobile famiglia fiorentina, che aveva condiviso fin dal Quattrocento con i Medici l’arte del cambio e che, grazie a questa, assunse per secoli un ruolo sempre più rilevante nella vita della città.
La guida è la sintesi di un lavoro svolto in maniera collettiva tra il 1998 e il 2009 da Monica Bietti, Francesca Fiorelli Malesci, Gabriella Incerpi, Paola Squellati Brizio, Maurizio Zecchini. I dati raccolti sono stati elaborati e i testi rivisti per giungere ad un prodotto unitario semplice ed essenziale in grado di fornire informazioni sul luogo, sulla famiglia, sulle collezioni e gli ambienti. In 108 pagine, sono illustrati i vari ambienti – dalla facciata al giardino d’inverno, dalla ricca quadreria alla Cappella, dal Salotto giallo (dove è custodita l’Adorazione del Bambino di Piero di Cosimo) alla Sala da ballo che ospita spesso incontri di vario genere – con belle immagini e tanti particolari relativi alle opere in esso custodite, un’operazione che alla fine risulta come una sorta di scansione, palmo a palmo, di ogni spazio del museo, completata da un esaustivo albero genealogico della famiglia Martelli.
Oltre alla Direttrice del Bargello, Paola D’Agostino, e ai curatori, interverrà Rosanna Pavoni, presidente DEMIHIST per ICOM Italia, che parlerà sul tema “Una casa museo a Firenze e la sua storia”.
L’ingresso alla presentazione della nuova guida – in vendita all’ingresso del museo - è libero, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Leggere di più