Da Ercolano importanti novità sulla dieta degli abitanti della città

Analisi sui resti umani di Ercolano hanno permesso di approfondire ulteriori informazioni sulla dieta degli antichi abitanti della città. Lo studio è stato condotto dalla Dott.ssa Silvia Soncin e dal Professor Olivier Craig ed è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Science Advances.

In collaborazione con l’Università di York dove si è svolto il lavoro di analisi anche altre prestigiose istituzioni italiane come il Parco Archeologico di Ercolano, il Parco Archeologico di Pompei e il Museo delle Civiltà di Roma.

Gli abitanti dell’antica città di Ercolano e i loro resti hanno offerto un’esperienza unica per l’analisi della vita in una comunità che visse e subì il medesimo destino. A partire dagli anni ’80 del secolo scorso numerose sono state le vittime rintracciate nei fornici che si affacciano sull’antica spiaggia della città, esattamente 340 individui.

dieta Ercolano
Dieta Ercolano. Foto: Parco Archeologico di Ercolano

Studi di antropologia e di bioarcheologia hanno permesso di migliorare in maniera significativa studi diretti sul modo di vivere, eventuali patologie e dirette conoscenze, in generale, sulla società romana in un arco temporale ben preciso. In questo studio internazionale, 17 individui recuperati dai fornici sono stati sottoposti ad analisi degli isotopi stabili del carbonio e dell’azoto degli aminoacidi che compongono il collagene osseo al fine di ricostruirne la dieta con maggiore dettaglio e precisione.

dieta
Spiaggia Antica di Ercolano. FOTO: paErco

Una comparazione tra fonti storiche ed analisi dirette ha permesso di chiarire che vi fosse un accesso alimentare differenziato fra uomini e donne. L’analisi degli aminoacidi – dice il Professor Craig – ha permesso di quantificare tali differenze e di riflettere sulle cause. Lo studio ha inoltre previsto alcuni prelievi di resti botanici da Ercolano ed in particolare di cereali e legumi. I risultati isotopici ottenuti dai cereali, insieme a quelli del collagene di specie animali e marine, sono stati utilizzati per il confronto con i valori determinanti per gli umani. Ad emergere chiare differenze fra uomini e donne nel consumo in particolare di pesce e prodotti animali.

Gli Ercolanesi consumavano una quantità di proteine dei prodotti della pesca superiori a quello delle donne, mentre queste avevano una dieta molto più ricca in prodotti animali. Questo studio innovativo dal punto di vista bioarcheologico è stato confrontato con dati associati a popolazioni contemporanee e in proporzione il risultato è che il consumo di pesce ad Ercolano è risultato superiore rispetto agli abitanti del Mediterraneo della seconda metà del secolo scorso.

dieta
Ercolano, foto: Alessandra Randazzo

Silvia Soncin riferisce: “Gli uomini erano più probabilmente maggiormente impegnati nella pesca e in altre attività marittime, generalmente occupavano posizioni più privilegiate nella società, e venivano liberati dalla schiavitù in età più giovane rispetto alle donne. Tutti questi fattori probabilmente facilitavano il loro accesso a prodotti alimentari più costosi, come il pesce fresco.”

La dieta seguita dagli antichi abitanti di Ercolano – interviene il Direttore del parco Archeologico Francesco Sirano - non ci racconta solo delle abitudini alimentari ma ci mette anche di fronte ad una società organizzata secondo canoni assai diversi da quella odierna. Un mondo dove l’accesso abitudinario a determinati alimenti dipendeva non dalla fame o dalla possibilità di acquisto, ma da fattori culturali: il genere, la condizione  sociale, la provenienza geografica dei componenti della comunità locale. Ercolano si conferma un laboratorio unico per l’avanzamento della conoscenza non solo guardando al passato ma anche e soprattutto, direi, al futuro e alle mille possibilità di innovazione e di miglioramento della qualità della vita che possono derivare dall’attivazione degli insegnamenti della storia, piuttosto che dalla semplice raccolta di dati. Il parco Archeologico di Ercolano è impegnato nella promozione di studi internazionali intorno alla ricostruzione sotto molteplici aspetti di un mondo la cui vita cessò in poche ore, ma la cui memoria attiva risuona tuttora nella mente e nell’animo di chi voglia ascoltarla.”

 


Le pitture rupestri di Sulawesi tra le finaliste del premio della BMTA

Tra le scoperte finaliste anche le pitture rupestri di Sulawesi!

Il prossimo 26 novembre, in occasione della XXIII edizione della Borsa Mediterranea sul Turismo Archeologico, alla scoperta archeologica più significativa del 2020 sarà assegnato l’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”, giunto alla settima edizione. Il premio, l’unico dedicato all’archeologia e riconosciuto a livello mondiale, è intitolato all’archeologo siriano che nel 2015 ha pagato con la vita la difesa del sito di Palmira, patrimonio UNESCO.

Nel corso della premiazione sarà attribuito, inoltre, un secondo riconoscimento. Fino al 1 settembre, infatti, sarà possibile votare sulla pagina Facebook della BMTA una delle cinque scoperte selezionate per il Premio “Khaled al-Asaad”: quella che avrà ottenuto il maggior consenso sui social riceverà uno “Special Award”.

Tra le finaliste del Premio, una scoperta che arriva da lontano, dal Sud-Est Asiatico: risale agli inizi di quest’anno la notizia che in Indonesia, nell’isola di Sulawesi, a est del Borneo, si trovano le pitture rupestri più antiche del mondo. Il team di ricerca, condotto dal professore Adam Brumm dell’Università di Griffith in Australia, ha infatti annunciato, in un articolo pubblicato lo scorso 13 gennaio sulla rivista «Science Advances», che le pitture, raffiguranti dei maiali, risalgono a ben a 45.000 anni fa.

Sulawesi
Le pitture rupestri di Sulawesi (dalla pagina Facebook della BMTA)

L’eccezionalità delle raffigurazioni parietali di Sulawesi risiede, quindi, nel fatto che esse si sono rivelate assai più antiche delle famose grotte francesi di Lauscaux e di quelle spagnole di Altamira. Le pitture di Lascaux, celebri per la raffinatezza con cui sono raffigurati soggetti animali come rinoceronti, cervi, uccelli, bovini, risalgono ad un periodo in confronto ben più “recente” del complesso indonesiano, compreso tra i 18 e i 16500 mila anni fa. Quelle di Altamira, invece, che finora detenevano il primato per l’antichità, sono databili a 36.000 anni fa.

Sebbene le grotte di Sulawesi siano state esplorate già da parecchi decenni, fino ad adesso non era stato possibile stabilire con precisione a quando risalissero le raffigurazioni parietali. La scoperta più importante è da riferire al sito di Leang Tedongnge, dove si trova, in mezzo a diversi “stencil” di mani, la raffigurazione di un maiale dipinto in ocra rossa, con una cresta di peli irti e due verruche simili a piccole corna sulla parte superiore del muso. Questi tratti permettono di identificare l’animale come un esemplare di Sus celebensis, una specie endemica dell’isola.

La datazione del ritrovamento è stata condotta attraverso l’analisi delle serie di uranio (ossia il rapporto tra uranio e torio, un prodotto del suo decadimento) sui depositi di carbonato di calcio. Tali depositi minerali, simili a piccoli “popcorn”, si formano sulle pareti delle grotte, e proprio sulla zampa posteriore del maiale si trovava un “popcorn” che ne ha permesso la datazione.

Le grotte di Sulawesi, come già accennato, sono oggetto di ricerche già dagli anni '50 del secolo scorso, e continuano ancora negli ultimi anni a riservare delle sorprese: risale al 2017 il ritrovamento, in una di queste grotte, di una scena di caccia, con uomini teriomorfi che inseguono bufali e cinghiali, databile a 39.900 anni fa.

La scoperta del maiale di 45.000 anni fa, oltre a costituire un primato (di fatto, rappresenta in assoluto il primo esempio di arte figurativa di cui si abbia conoscenza), ha anche notevoli implicazioni sul piano degli studi antropologici e culturali: le analisi condotte sulle pitture rupestri di Sulawesi hanno dato prova di una presenza antichissima dell’Homo Sapiens in questa zona remota del Sud-Est Asiatico e hanno aperto a nuove ipotesi sulle modalità di popolamento del Sulawesi. Gli stessi ricercatori, infatti, escludono l’ipotesi che quelli di Leang Tedongnge siano casi isolati di pitture rupestri del Pleistocene Superiore a Sulawesi , anzi le inseriscono in un complesso più grande ancora da portare alla luce e studiare.