16 – 18 Febbraio 2015
CSIRO_ScienceImage_11133_Tropical_fire_ant
Grazie alla genetica, sappiamo ora che le formiche di fuoco, originarie del Messico e ora diffuse in tutte le regioni tropicali del globo, viaggiarono sui galeoni spagnoli del sedicesimo secolo.
Le navi spagnole, infatti, utilizzavano il terreno locale come zavorra, e questo conteneva un gran numero di organismi. Questo ovviamente ebbe delle conseguenze sugli ecosistemi locali, visto che le formiche di fuoco tropicali (Solenopsis geminata) sono una specie invasiva. La specie si diffuse quindi dal Messico, seguendo le rotte verso l’Africa, l’India, il Sud Est Asiatico. I galeoni portarono poi l’argento messicano a Manila, nelle Filippine, e da qui verso Taiwan e la Cina.
Si tratta perciò di un caso di un raro caso documentato di specie invasiva diffusasi a seguito delle prime fasi di commercio globale.
Lo studio “Global invasion history of the tropical fire ant: a stowaway on the first global trade routes”, di Dietrich Gotzek, Heather J. Axen, Andrew V. Suarez, Sara Helms Cahan e DeWayne Shoemaker, è stato pubblicato su Molecular Ecology.
Link: Molecular Ecology; University of Illinois
Particolare della testa di una formica di fuoco, foto di CSIRO, da WikipediaCC BY 3.0, caricata da Upload Bot (99of9).