Il sito di Page-Ladson e l'occupazione della Florida, 14.550 anni fa

13 Maggio 2016

La professoressa Jessi Halligan con ossa e strumenti litici dal sito di Page-Ladson. Credits: Bruce Palmer/Florida State University
La professoressa Jessi Halligan con ossa e strumenti litici dal sito di Page-Ladson. Credits: Bruce Palmer/Florida State University

La scoperta di strumenti litici insieme a ossa di mastodonte, nel sito di Page-Ladson, nei pressi del fiume Aucilla e vicino Tallahassee in Florida, dimostra che la colonizzazione della parte sud orientale degli Stati Uniti avvenne 1500 anni prima di quanto ritenuto.
Il sito di Page-Ladson è collocato a 30 piedi di profondità nel fiume, ed è ora il più antico in quella parte degli U.S.A., risalendo a 14.550 anni prima del tempo presente. C'è un gruppo di siti in Nord America che data attorno ai 13.200 anni fa, ma solo cinque tra Nord e Sud America sono più antichi.
Il sito, collocato nella tenuta della famiglia Ladson, fu portato all'attenzione degli archeologi dal sommozzatore Buddy Page negli anni ottanta. Fino agli anni '90 si ritrovarono strumenti litici e ossa di mastodonte in uno strato di 14 mila anni fa, ma si ritenne la datazione discutibile. Tra il 2012 e il 2014 si ritrovarono ossa di animali estinti e altri strumenti litici, tra i quali una bifacciale. Con le ultime tecniche di datazione al radiocarbonio, tutti i reperti sono stati datati a 14.550 anni prima del tempo presente. In precedenza si riteneva che i cacciatori Clovis avessero colonizzato queste zone, 13.200 anni fa.
I solchi sulle zanne testimonierebbero l'attività di rimozione delle stesse dal teschio dell'animale, come conseguenza di attività umana. Il sito proverebbe pure che uomini e megafauna coesistettero per duemila anni, e che quindi i primi non causarono immediatamente l'estinzione dei secondi, che si verificò attorno ai 12.600 anni calibrati prima del tempo presente.

Lo studio "Pre-Clovis occupation 14,550 years ago at the Page-Ladson site, Florida, and the peopling of the Americas", di Jessi J. HalliganMichael R. WatersAngelina PerrottiIvy J. OwensJoshua M. FeinbergMark D. BourneBrendan FenertyBarbara WinsboroughDavid CarlsonDaniel C. FisherThomas W. Stafford Jr e James S. Dunbar, è stato pubblicato su Nature: Science Advances.
Link: Nature: Science Advances; EurekAlert! via Florida State University; EurekAlert! via University of Michigan.


Mound Key, un'isola artificiale in Florida

28 Aprile 2016

Due studenti presso lo scavo. Credit: Victor Thompson/University of Georgia
Due studenti presso lo scavo. Credit: Victor Thompson/University of Georgia

Nella parte sud occidentale della Florida si trova un'isola di origine artificiale, Mound Key, che era la capitale del Regno dei Calusa, ancora al tempo dell'arrivo degli Spagnoli.
L'isola è stata oggetto di uno studio, pubblicato su PLOS One, nel quale si spiega la capacità dei Calusa di adattare le acque costiere della Florida, di modo da supportare una grande popolazione. Mound Key fu costruita su un cumulo di conchiglie, ossa e altri rifiuti.
Il fatto che i più antichi di questi resti siano stati ritrovati anche sopra quelli più recenti, fa ritenere gli studiosi che i Calusa rimettessero mano a quest'isola artificiale, rimodellandola sulla base delle loro esigenze.
Immagine LiDAR che mostra la porzione centrale dell'Isola Mound Key. Credit: Victor Thompson/University of Georgia
Immagine LiDAR che mostra la porzione centrale dell'Isola Mound Key. Credit: Victor Thompson/University of Georgia

Leggere di più


Ceramiche da un insediamento spagnolo del sedicesimo secolo in Florida

17 Febbraio 2016
Florida_in_United_States.svg
Ceramiche del sedicesimo secolo, che testimoniano la presenza di un insediamento spagnolo dell'epoca, sono state ritrovate nella Baia di Pensacola, nel Panhandle della Florida (corrispondente alla parte occidentale della stessa).
Si tratterebbe dell'insediamento relativo alla sfortunata spedizione guidata nel 1559 da Tristán de Luna y Arellano (1519 – 19 Settembre 1573). Tristán de Luna perì durante l'uragano che causò l'affondamento di cinque navi e di gran parte del cargo della sua spedizione. Anche se parte della sua flotta è stata ritrovata, il luogo del suo insediamento era finora sfuggito: potrebbe trattarsi dunque del più antico negli Stati Uniti, essendo di sei anni più antico di quello fondato con successo da Pedro Menendez a St. Augustine, sempre in Florida.
Link: Fox News; Archaeology News Network via Associated Press; Science Daily via Associated Press
La Florida, da WikipediaCC BY-SA 3.0 (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. The source code of this SVG is valid. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Usa edcp location map.svg (by Uwe Dedering). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  USA Hawaii location map.svg (by NordNordWest). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Canada location map.svg (by Yug)).


Il ruolo dell'occupazione umana preistorica nelle Everglades

8 Febbraio 2016
800px-Everglades_Hammock_Center
Il Parco Nazionale delle Everglades, in Florida, è costellato da "isole di alberi" (In Inglese anche note come hammock). Queste piccole isole di alberi tropicali a legno duro contrastano con l'ambiente circostante, circondate come sono da paludi che chiaramente non potrebbero supportare la vita di quegli alberi. Si tratta di habitat molto ricchi per piante, uccelli e altri animali.
Un nuovo studio, sulla base dei risultati di scavi archeologici svolti a partire dal 2010, sottolinea ora come la presenza umana preistorica giocò un ruolo  fondamentale nella formazione di queste isole di alberi. Si tratta di una questione importante, perché bisogna tener conto di questo impatto preistorico nelle operazioni di conservazione e ripristino delle Everglades.
800px-Tropical_hardwood_hammock_on_Everglades_National_Park_Mahogany_Hammock_Trail
Al fine di comprendere queste isole di alberi, lo studio ha preso in considerazione il sito archeologico di Booth, ma ve ne sono a centinaia nelle Everglades, e quasi ogni isola presenta infatti i segni dell'occupazione umana.
Leggere di più


Luna: il primo insediamento europeo pluriennale negli Stati Uniti

17 Dicembre 2015
PensacolaBeachFlorida
Ritrovate prove del primo insediamento pluriennale di Europei negli Stati Uniti: sono relativi alla colonia di Luna, in Florida. La colonia fu fondata da Tristán de Luna y Arellano, e fu abitata dal 1559 al 1561.
Si sono ritrovati manufatti del periodo spagnolo coloniale (frammenti di ceramiche, relativi a stoviglie) e relativi a Nativi americani.
Tristán de Luna y Arellano giunse qui con 1.500 soldati, coloni, schiavi e Aztechi. Proveniva da Veracruz, nel Messico, dal quale si spostò con 11 navi. L'insediamento precede di 48 anni quello di Jamestown in Virginia. A determinare l'abbandono della colonia fu un uragano: i sopravvissuti furono poi recuperati da navi spagnole. In precedenza due relitti sono stati ritrovati nella Baia di Pensacola.
Link: University of West Florida 1, 2; WFSU; PNJ 1, 2; The History Blog.
La spiaggia di Pensacola, foto da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Blankfaze~commonswiki.
 


Tesoro di monete al largo della Florida

28 Luglio 2015
800px-Felipe_V_de_España,_Rey_de
Un tesoro di monete, per un valore complessivo di un milione di dollari circa, è stato scoperto presso il sito al largo della Florida, dove si trovano gli 11 relitti della flotta affondata il 31 Luglio 2015. Trecento anni fa, dunque.
Il pezzo pregiato del tesoro è il rarissimo Reale del Trecentenario (Tricentennial Royal), destinato a Filippo V di Spagna, e che da solo varrebbe la metà dell'intero ritrovamento.

Leggere di più


Due tracce precedenti la cultura di Clovis in America?

28 Febbraio - 5 Marzo 2015
Clovis_Point
Generalmente, si ritiene che la cultura Clovis sia stata la prima a migrare in America, lasciando delle tracce datate almeno 13 mila anni fa circa. Nelle ultimissime settimane si sta però mettendo in discussione questo assunto, con gli scavi a Vero Beach, in Florida e con un ritrovamento di uno strumento litico nell'Oregon.
I lavori a Vero Beach iniziarono in realtà nel 1915 con Elias Sellards, che iniziò a parlare dell'uomo di Vero. Solo di recente si è ripreso a scavare. Al momento vi è ovviamente estrema prudenza e scetticismo.
https://twitter.com/gallennpr/status/572411745274339328
Link: NPR; Associated Press; NBC News
Punta di proiettile Clovis, foto da Wikipedia (This copyrighted image was published by an agency of the Government of the Commonwealth of Virginia), Attribuzione, caricata da Locutus Borg.