MOSTRA “Il Tempo in Rovina” al CASTELLO DI BAIA

baia – scavi – paesaggio – fotografia

AGOSTO – NOVEMBRE 2022

mostra Il Tempo in Rovina Castello di Baia
1. Castello di Baia. Cava
(1929). Negativo su lastra in vetro 18×24. N° inv. C 3400

Venerdì 5 agosto presso la sede del Museo archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia è stata presentata al pubblico la mostra “Il Tempo in Rovina” che racconta, come in una sequenza di fotogrammi di un film, la gloriosa stagione degli scavi delle Terme romane di Baia e la conseguente trasformazione di un paesaggio agricolo e rurale in quel disegno archeologico complesso che noi ora chiamiamo Parco archeologico di Baia. Le fotografie sono quelle conservate nell’archivio del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, partner del progetto, e vanno dagli anni’20 agli anni’60 del XX secolo. Il materiale fotografico selezionato per il progetto espositivo costituisce l’estratto di due gruppi documentali: uno più antico con supporti in lastre di vetro, in emulsione di sali d’argento, realizzate nel periodo tra l’inizio del secolo scorso ed il secondo dopoguerra e negativi realizzati tra la fine degli anni ’40 e almeno gli anni ’70.

42. Settore della Sosandra. Amedeo Maiuri e Mario Napoli insieme agli operai dopo il rinvenimento della statua (1953).
Negativo 6×6 da rullino. N° inv. E 14192

Attraverso 53 scene si vede scorrere l’immagine dei declivi baiani che fino agli inizi del XX secolo era plasmata dall’attività agricola, cesellata da terrazzamenti allestiti per dare dimora a vigneti o frutteti e di aree coltivate faticosamente sottratte alle macerie. L’archeologia entra in scena con dei protagonisti d’eccezione come Amedeo Maiuri e Mario Napoli e disegna letteralmente un nuovo paesaggio, dove le rovine aggiungono il senso del tempo alla natura. Si partirà con le attività di tutela per la protezione delle testimonianze archeologiche per contrastare attività devastanti, come quelle legate all’estrazione della pozzolana, e nel corso del tempo, dopo un’intensa attività di scavo e restauro, si giungerà a definire un vero progetto di Parco archeologico.

26. Settore della Sosandra. Area inferiore in corso di scavo (1952). Negativo 6×6 da rullino. N° inv. D 11809

La mostra costituisce l’ultima tappa del progetto “Terra”, curato dal Parco archeologico dei Campi Flegrei e reso possibile dal finanziamento della Regione Campania, e rappresenta la manifestazione dello spirito di collaborazione istituzionale che ha reso possibile il raggiungimento di importanti risultati e che sarà inevitabilmente alla base degli sviluppi di collaborazione tra il Parco, la Regione Campania e le Istituzioni locali nel prossimo futuro. L’esposizione è completata da un’installazione multimediale che restituisce dinamismo alle immagini ed è corredata da un catalogo che verrà presentato nell’occasione.

32. Villa dell’Ambulatio. Ricostruzione di una delle arcate (1956). Negativo 6×6 da rullino. N° inv. D 11915

Il direttore del Parco archeologico dei Campi Flegrei, Fabio Pagano: “L’inaugurazione di questa mostra rappresenta la conclusione di uno stimolante percorso che ci ha portato ad indagare ed esprimere i concetti di terra e di paesaggio declinati nello straordinario scenario flegreo. Dopo la mostra “Terra. La scultura di un paesaggio” ospitata presso Palazzo De Fraja a Pozzuoli, che ha visto l’esposizione di reperti rinvenuti a Cuma durante le campagne archeologiche degli ultimi anni e la narrazione dei paesaggi della nostra terra ed il convegno scientifico tenutosi a dicembre del 2021 presso il Parco, la mostra Il Tempo in Rovina usa la forza delle immagini storiche per raccontare come si sia stato plasmato un paesaggio antico e moderno al tempo stesso, come quello del Parco delle Terme di Baia. Questo percorso è stato reso possibile grazie al finanziamento ed al costante supporto della Regione Campania che ha fortemente voluto l’inserimento del nostro Parco all’interno della strategia regionale legata alle grandi mostre.”

14. Baia. Le pendici prima dell’inizio degli scavi (1933). Negativo su lastra in vetro 18×24. N° inv. C 3440

La mostra è stata presentata venerdì 5 agosto al Museo archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia alle ore 11:00 con la presenza di Rosanna Romano, Direttore generale per le politiche culturali e il turismo della Regione Campania e del Sindaco del Comune di Bacoli, Josi Gerardo della Ragione.

La locandina della mostra Il Tempo in Rovina al Castello di Baia
La locandina della mostra Il Tempo in Rovina al Castello di Baia

Testo e foto dall’Ufficio Comunicazione Parco Archeologico dei Campi Flegrei

Dove i classici si incontrano. ClassiCult è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Bari numero R.G. 5753/2018 – R.S. 17. Direttore Responsabile Domenico Saracino, Vice Direttrice Alessandra Randazzo

Write A Comment

Pin It