Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli ha presentato in conferenza stampa a Roma, martedì 26 febbraio 2019, la campagna di promozione “#iovadoalmuseo”, per illustrare le agevolazioni alla partecipazione al diritto della cultura. Aumentano, infatti, le giornate ticket free nei luoghi della cultura statali. Saranno 20 nell’anno solare, di cui 8 a discrezione dei direttori.

Tra gli ospiti, in rappresentanza del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, è stato presente il direttore Carmelo Malacrino. Il MArRC, infatti, aderisce alla campagna promozionale istituendo l’ingresso gratuito, oltre che nei giorni stabiliti con decreto ministeriale – nella Settimana dei Musei a marzo (quest’anno, da martedì 5 a domenica 10) – anche ogni prima domenica del mese (per decreto, la gratuità è obbligatoria per tutti da ottobre a marzo), a Ferragosto e per la Festa di Maria Santissima Madre della Consolazione, Patrona di Reggio Calabria (la seconda domenica di settembre, quest’anno l8).

Nell’ottica di incentivare soprattutto il coinvolgimento dei giovani nell’esercizio effettivo del diritto alla cultura e alla conoscenza e fruizione del patrimonio storico-artistico nazionale, il MiBAC ha istituito un biglietto speciale di 2 euro per ragazzi e ragazze dai 18 ai 25 anni nei giorni non compresi nella gratuità.

Il direttore Malacrino dichiara: «Credo che questo decreto con cui il Ministro introduce nuove gratuità, dando la possibilità ai direttori di scegliere le giornate in cui applicare la promozione, produrrà i suoi frutti, in termini di aumento della partecipazione dei cittadini all’offerta culturale dei Musei statali. Si tratta di un’attenzione ai rapporti con il territorio nell’ambito di una concezione non prettamente monetaria dell’economia della cultura, in linea con quanto stabilisce la Costituzione. La cultura, l’arte, la bellezza – aggiunge il direttore – sono un bene essenziale, non un lusso per pochi».

Una buona notizia per chi non ha avuto la possibilità di visitare l’esposizione temporanea “Il cibo degli dei. Rituali e offerte nei santuari della Calabria greca”, allestita nello spazio di Piazza Paolo Orsi a cura del direttore Malacrino con l’archeologa Daniela Costanzo. La mostra – la terza dedicata al tema nel 2018, Anno del Cibo Italiano, dopo “Abemus in cena. A tavola con i Romani” e “I sapori delle origini. La cultura del cibo nella Calabria protostorica” – è stata prorogata fino al 30 marzo. Il pubblico del Museo, infatti, ha apprezzato il percorso espositivo che, attraverso un centinaio di reperti rinvenuti in vari siti della regione, tra statuette di divinità in trono e di offerenti, tavolette votive, vasi figurati e ceramica miniaturistica, guida alla scoperta delle pratiche rituali in Magna Grecia che prevedevano l’offerta di cibo come strumento di comunicazione con la divinità e così ricostruire in un’unica narrazione il complesso rapporto tra cibo e sacro per i Greci antichi.

L’iconografia e i resti di pasti sacri nei santuari della Calabria greca permettono di ricostruire i sacrifici animali che erano qui praticati. Il vasellame per le libagioni testimonia l’offerta di bevande alle divinità e i modellini fittili di dolci, pani e frutti sostituiscono simbolicamente la presentazione delle primizie agli dei,  per ringraziarli per il raccolto e chiederne la benevolenza per la fertilità dei campi e degli armenti.