29 Giugno 2015
800px-Lake_Mega_Chad_Topography
Il lago Ciad è un lago di grande importanza ai limiti del deserto del Sahara, che ha cambiato dimensione molte volte nel corso dei secoli, in conseguenza del cambiamento climatico.
Al momento della sua massima estensione, seimila anni fa circa, era il più grande lago di acqua dolce al mondo, con un’area di 360 mila km2, oggi ridotta ad appena 355 km2. Secondo un nuovo studio, a causa dei cambiamenti nelle precipitazioni legate al Monsone Africano Occidentale, l’area si sarebbe inaridita drammaticamente nell’arco di pochi secoli, attorno a cinquemila anni fa, lasciando spazio a dune e deserto. Il Periodo Umido Africano sarebbe perciò terminato all’improvviso.
Tutta l’Africa Settentrionale era molto più umida tra i 15 mila e i 5 mila anni fa, con laghi e zone umide nel Sahara, determinate in conseguenza del monsone. Il bacino del Mega-Ciad, la depressione nota come bacino del Bodélé, e oggi principale fonte di polvere al mondo, si sarebbe prosciugato in modo definitivo attorno a mille anni fa.

Lo studio “West African monsoon dynamics inferred from abrupt fluctuations of Lake Mega-Chad”, di Simon J. ArmitageCharlie S. Bristow, e Nick A. Drake, è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.
Link: PNAS; AlphaGalileo via Royal Holloway – University of London; Science Daily; Daily Mail.
L’estensione del Lago MegaCiad (l’area blu determinata dalla linea tratteggiata), in contrasto con l’estensione attuale del lago Ciad (blu chiaro), da WikipediaCC0, caricata da e di 120.