18 – 19 Maggio 2015
Sheep_and_cow_in_South_Africa
Un nuovo studio ha effettuato analisi biometriche per bovini, ovini e suini, per la Spagna a partire dall’epoca romana e fino ad epoca post medievale, utilizzando resti provenienti da scavi archeologici.
Si è concluso che la dimensione degli animali da allevamento è in questo periodo aumentata: in particolare i bovini in epoca romana, le pecore durante il Medio Evo. Il minimo per le dimensioni degli animali fu raggiunto nell’ottavo secolo, con suini e ovini che diminuirono di dimensione nella Tarda Antichità, mentre l’incremento è costante a partire dal decimo secolo e in particolare nell’Età Moderna. Lo studio ha preso in considerazione oltre 2500 misurazioni da 41 siti, per un arco di tempo che va dal primo al ventunesimo secolo.

Lo studio ha anche un precedente di pochi mesi fa, che prese in considerazione gli animali durante il solo Medio Evo nei Paesi Baschi.
Lo studio “Livestock management in Spain from Roman to post-medieval times: a biometrical analysis of cattle, sheep/goat and pig”, di Idoia Grau-Sologestoa, è stato pubblicato su Journal of Archaeological Science.
Lo studio “Animal husbandry during Early and High Middle Ages in the Basque Country (Spain)”, di Carmina Sirignano, Idoia Grau Sologestoa, Paola Ricci, Maite Iris García-Collado, Simona Altieri, Juan Antonio Quirós Castillo, Carmine Lubritto, è stato pubblicato su Quarterly International.
Link: Journal of Archaeological Science; Quarterly InternationalPast Horizons, Science Daily via Universidad del País Vasco; Medievalists.
Pecore e una vitella che pascolano insieme in Sud Africa, foto di Lollie-Pop (from Cape Town, South AfricaWho did you call a sheep??), da WikipediaCC BY 2.0, caricata da Steven Walling.