17 Settembre 2015

Archeologi di Varsavia sulle orme di Jules Verne

Archeologi esaminano l'area circostante la grotta, foto di M. Bura
Archeologi esaminano l’area circostante la grotta, foto di M. Bura
La scansione 3D dell’interno della Grotta delle canzoni (Islandese Songhellir), situata nell’Islanda occidentale, sui pendii del vulcano Snaefellsnes, è stata effettuata dalla spedizione del Laboratorio delle Scansioni 3D dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Varsavia. Il luogo è descritto in dettaglio nel romanzo di Jules Verne, il classico “Viaggio al Centro della Terra”.
Il vulcano è collocato all’interno del Parco Nazionale dello Snæfellsjökull, situato nella penisola dello Snaefellsnes. Il parco fu creato nel 20001 per proteggere il panorama unico, le piante rare e gli animali, e soprattutto i siti archeologici collocati attorno alla montagna.
Scansione di uno dei muri della grotta, preparata da M. Bura
Scansione di uno dei muri della grotta, preparata da M. Bura

La Grotta delle Canzoni documentata dagli archeologi è estremamente interessante per gli scienziati, non solo a causa delle sue straordinarie proprietà acustiche, ma principalmente a causa delle diverse iscrizioni incise sui suoi muri, i più antichi ad essere creati nel quindicesimo secolo. Tra questi ci sono caratteri runici.

Scansione dell'interno della grotta, foto di M. Bura
Scansione dell’interno della grotta, foto di M. Bura

“Con la scansione 3D sarà ora possibile inventariare ed analizzare queste iscrizioni, il che non è mai stato fatto fino ad oggi – ha riferito a PAP Marta Bura, a capo del Laboratorio Scansioni 3D. – Speriamo, e abbiamo assicurazioni da parte dei nostri partner islandesi, che questo non sia un progetto isolato, e che questa cooperazione continui.”
I Polacchi non si sono fermati al documentare la grotta. Utilizzando uno scanner laser Leica hanno anche documentato i resti del villaggio di pescatori e tracce della chiglia, probabilmente lasciata da vascelli per la pesca dell’insediamento del quindicesimo secolo a Gufuskalar.
I Polacchi sono stati invitati a questo progetto dall’Istituto locale di Archeologia, dato che i risultati ottenuti dal Laboratorio Scansioni 3D con le iscrizioni su roccia a Bornholm sono ben noti.
Il Laboratorio Scansioni 3D dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Varsavia è parte di un nuovo Laboratorio di Arti Digitali fondato all’Università. È la più grande e completa unità accademica della Polonia, dedicata al documentare monumenti di varie dimensioni, da manufatti di meno di 1 cm, a sculture, a monumenti architettonici. L’utilizzo dello scanner laser per documentare iscrizioni su roccia è una soluzione polacca pioneristica.

Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.

Write A Comment

Pin It