Milano: “Sei conversazioni d’arte”, domani in Sala Alessi appuntamento con “Sposalizio della vergine” di Raffaello

ExpoinCittà

“Sei conversazioni d’arte”, domani in Sala Alessi appuntamento con “Sposalizio della vergine” di Raffaello

Il viaggio attraverso la storia dell’arte continua con Cristina Acidini che racconta l’icona del mese di luglio

sposalizio_vergine_400.jpgMilano, 30 luglio 2015 – Domani, mercoledì 1° luglio, alle ore 21, per il terzo incontro del ciclo “Sei Conversazioni d’Arte”  dedicato alle icone di ExpoinCittà, Cristina Acidini racconta “Lo Sposalizio della Vergine” di Raffaello Sanzio, la più importante opera giovanile di Raffaello, conservata ed esposta presso la Pinacoteca di Brera.

Continue reading Milano: “Sei conversazioni d’arte”, domani in Sala Alessi appuntamento con “Sposalizio della vergine” di Raffaello

Uno Scita sopravvissuto a una freccia alla spina dorsale

29 Giugno 2015

689px-Kazakhstan_in_its_region.svg

Le ferite da proiettile negli scheletri sono tipicamente segno di violenza in archeologia, e quelle alla spina dorsale sono di solito fatali. Per uno Scita dell’Età del Ferro (più precisamente, del settimo – sesto secolo a. C.) vissuto in Kazakhstan, si verificò però il caso eccezionale della guarigione di una ferita da freccia in bronzo in quella parte del corpo.

Il guerriero Saka, che era parte dell’aristocrazia, fu ritrovato in un famoso cimitero del Kazakhstan centrale e fu molto fortunato a sopravvivere, data la delicatezza del punto. Lo studio che è arrivato a questi risultati, ha anche fornito informazioni sulla sua dieta, nella quale era prevalente il miglio, più che per altri suoi contemporanei nell’area.

Continue reading Uno Scita sopravvissuto a una freccia alla spina dorsale

Africa: il più grande lago di acqua dolce al mondo ridotto a deserto in pochi secoli

29 Giugno 2015

800px-Lake_Mega_Chad_Topography

Il lago Ciad è un lago di grande importanza ai limiti del deserto del Sahara, che ha cambiato dimensione molte volte nel corso dei secoli, in conseguenza del cambiamento climatico.

Al momento della sua massima estensione, seimila anni fa circa, era il più grande lago di acqua dolce al mondo, con un’area di 360 mila km2, oggi ridotta ad appena 355 km2. Secondo un nuovo studio, a causa dei cambiamenti nelle precipitazioni legate al Monsone Africano Occidentale, l’area si sarebbe inaridita drammaticamente nell’arco di pochi secoli, attorno a cinquemila anni fa, lasciando spazio a dune e deserto. Il Periodo Umido Africano sarebbe perciò terminato all’improvviso.

Tutta l’Africa Settentrionale era molto più umida tra i 15 mila e i 5 mila anni fa, con laghi e zone umide nel Sahara, determinate in conseguenza del monsone. Il bacino del Mega-Ciad, la depressione nota come bacino del Bodélé, e oggi principale fonte di polvere al mondo, si sarebbe prosciugato in modo definitivo attorno a mille anni fa.

Continue reading Africa: il più grande lago di acqua dolce al mondo ridotto a deserto in pochi secoli

Street Art: al via martedì la prima mostra nei locali del Comune di Milano

Street art

Al via martedì la prima mostra nei locali del Comune di Milano

La mostra sarà aperta tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle 16 alle 20 e chiuderà il prossimo 31 luglio

chained_450.jpg

Milano, 28 giugno 2015 – Per la prima volta uno spazio comunale ospita la street art: apre martedì alle 16, con ingresso libero, la mostra nell’hangar di via Amari. Si tratta di un’iniziativa nell’ambito di Chained, un progetto sull’arte di strada in città promosso dalla Galleria Wunderkammern in collaborazione con l’Amministrazione comunale, MM, l’Istituto Cervantes e l’Ambasciata di Spagna. La mostra sarà aperta tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle 16 alle 20 e chiuderà il prossimo 31 luglio.

chained_630.jpg

Continue reading Street Art: al via martedì la prima mostra nei locali del Comune di Milano

La dieta nella Media Età del Bronzo nella Spagna nord-occidentale

23 – 26 Giugno 2015

800px-Ourense_in_Spain.svg

L’analisi dei resti scheletrici ritrovati a Cova do Santo, nella provincia spagnola di Ourense, ha evidenziato che la dieta di quegli uomini dell’Età del Bronzo si fondava su vegetali, con poca carne e pesce, nonostante la vicinanza del fiume Sil.

Non sono state però trovate tracce di miglio, per cui la popolazione dovrebbe essere precedente l’introduzione di questo nell’area. È difficile stabilire quando questo fu introdotto nella dieta spagnola, se nella tarda Età del Bronzo o prima. La grotta nella valle del fiume presentava 14 individui dei due sessi, e bambini, tutti di età inferiore ai 40 anni e risalenti alla Media età del Bronzo (1890 – 1600 a. C. circa).

Continue reading La dieta nella Media Età del Bronzo nella Spagna nord-occidentale