La nuova sepoltura di Riccardo III e le infedeltà nella sua stirpe

21 - 26 Marzo 2015
Richard_III_earliest_surviving_portrait
Dopo diversi giorni di commemorazioni e al termine di processione e celebrazione, Riccardo III è stato nuovamente seppellito nella Cattedrale di Leicester. Della sua tomba si erano perse le tracce per secoli, fino al ritrovamento avvenuto nel 2012 e gli esami del DNA che hanno confermato l'identità. Molte le personalità britanniche ad aver partecipato, mentre la Regina Elisabetta II ha riconosciuto il grande significato internazionale e nazionale della sepoltura.
La scoperta non è però priva di conseguenze. Durante le analisi sono emerse infedeltà nell'albero genealogico della sua stirpe: Riccardo III è stato l'ultimo regnante della casa di York. Il riconoscimento è avvenuto grazie al DNA mitocondriale, trasmesso per via di madre, mentre il cromosoma Y non si era trasmesso fino al discendente Henry Somerset, duca di Beaufort, vissuto nel diciottesimo secolo. Agli studiosi che nei mesi scorsi si occuparono dello studio, pubblicato su Nature Communications, continuano a pervenire richieste di analisi da parte di persone che affermano di essere discendenti.
Link: Live Science 12, 3, 4; NY Times; CNN; BBC 1, 2; The Telegraph
https://twitter.com/royalwhisper/status/581067736438181888
https://twitter.com/EmmaBuntingUK/status/581044132061306880
https://twitter.com/BBCNews/status/581010597459841024

Ritratto di Riccardo III d'Inghilterra, dipinto nel 1520 circa , sulla base di un originale perduto, per la famiglia Paston; posseduto dalla Society of Antiquaries, Londra, sin dal1828. Artista sconosciuto (caricato su Wikipedia da Silverwhistle - Richard III Society website via English Wikipedia), da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Melinda Rácz.

 
 


A Pasqua e Pasquetta tutti aperti i musei archeologici statali dell'Emilia-Romagna

26 Marzo 2015

A Pasqua e Pasquetta tutti aperti i musei archeologici statali dell'Emilia-Romagna

f51e7abd722224a89b3cf50c37d5944b9511ecd
Domenica 5 e Lunedì 6 aprile tutti aperti i Musei Archeologici Nazionali di Marzabotto (BO), Parma, Ferrara, e Sarsina (FC) e gli scavi della Villa Romana di Russi (RA) e della città romana di Veleia (PC)
Ingresso gratuito il giorno di Pasqua, prima domenica del mese

8239c8faaaacb3577fdf5e867eccfd316d18c1
Leggere di più


Passeggiata archeologica: Il tempo della festa nel mondo romano

26 Marzo 2015

Passeggiata archeologica dal titolo Il tempo della festa nel mondo romano

b35d6eba315514881fe0af653c808864cb5656

L’Associazione Me.MO CANTIERI CULTURALI a.p.s. organizza per domenica 29 marzo alle ore 16.00 presso l’area archeologica di Saepinum – Altilia (CB) una passeggiata archeologica dal titolo Il tempo della festa nel mondo romano.
L’evento, patrocinato dal Comune di Sepino, che ha colto con entusiasmo l’iniziativa nella persona del Sindaco Filomena Zeoli e dell’amministrazione tutta, nasce con l’intento di  promuovere l’area applicando nuove  forme di comunicazione per la divulgazione dei valori, anche identitari, espressi dal patrimonio  culturale in ogni sua componente.

Leggere di più


Presentato a Roma il Padiglione Italia

26 Marzo 2015

PRESENTATO A ROMA IL PADIGLIONE ITALIA
56esima Esposizione Internazionale d’Arte alla Biennale di Venezia 2015

f2d874b8cccf501431af64d815224657638bf5f3

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, ha presentato oggi nel Salone dell’ex Consiglio Nazionale insieme al curatore Vincenzo Trione il Padiglione Italia della 56. Esposizione Internazionale d’Arte alla Biennale di Venezia che si terrà dal 9 maggio al 22 novembre 2015 alle Tese delle Vergini all’Arsenale. Sono intervenuti il Direttore Generale per l’arte e l’architettura contemporanee, Federica Galloni, e il Presidente della Fondazione la Biennale di Venezia, Paolo Baratta.
Alla mostra sono stati chiamati a partecipare gli artisti Alis/Filliol, Andrea Aquilanti, Francesco Barocco, Vanessa Beecroft, Antonio Biasiucci, Giuseppe Caccavale, Paolo Gioli, Jannis Kounellis, Nino Longobardi, Marzia Migliora, Luca Monterastelli, Mimmo Paladino, Claudio Parmiggiani, Nicola Samorì, Aldo Tambellini.
Roma, 26 marzo 2015
Ufficio Stampa - MiBACT

Come da MIBACT, Redattore Renzo De Simone


Messico: geopolitica e ossidiana a Tlaxcala

25 Marzo 2015
Arrowhead
Una nuova ricerca si è occupata del rapporto di relazioni tra Stati, diplomazia, commercio e forniture di merci nella Mesoamerica del Tardo Postclassico (l'epoca degli Aztechi). L'oggetto della ricerca è stata la città di Tlaxcala, che al tempo dell'arrivo degli Spagnoli era ancora impegnata nelle guerre rituali e continue con gli Aztechi, necessarie per rifornire i templi di sacrifici umani. L'oggetto della ricerca è però l'ossidiana, un vetro di origine vulcanica utilizzato ad esempio nelle armi dell'epoca.Leggere di più


Una nuova datazione di cacciatori dell'ultima Era Glaciale in America

23 - 27 Marzo 2015
Presso Wally's Beach, in Canada, vi sono i resti di sette cavalli e di un cammello, e costituiscono le uniche prove di caccia e macellazione di questi animali  in tempi preistorici in America. Una nuova ricerca mostra che i frammenti delle ossa degli animali sarebbero da datarsi a 13300 anni fa, uccisi in un breve lasso di tempo.
Si tratta di una scoperta molto importante, sia perché documenta il ruolo dell'uomo nell'estinzione dei grandi mammiferi alla fine dell'ultima Era Glaciale, sia perché implica la presenza umana nel continente, molto prima di quanto ritenuto finora.
https://twitter.com/NewsHour/status/580384893923905537
Lo studio "Late Pleistocene horse and camel hunting at the southern margin of the ice-free corridor: Reassessing the age of Wally’s Beach, Canada", di Michael R. WatersThomas W. Stafford, Jr.Brian Kooyman, e L. V. Hills, è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.
Link: Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America; Phys.org via Texas A&M University; PBS Newshour; Past Horizons


Stelle che collidono: la spiegazione di un enigma del diciassettesimo secolo

14 Ottobre 2014 - 23 Marzo 2015

The nova of 1670 recorded by Hevelius
La posizione della nova apparsa nel 1670 e registrata qui da Hevelius. Cerchiata in rosso nell'immagine. Crediti: Royal Society

Nuove osservazioni fatte con APEX e altri telescopi rivelano che la stella che gli astronomi europei videro apparire nel cielo del 1670 non era una nova, ma un evento molto più raro e violento, relativo a una collisione stellare. Abbastanza spettacolare da esser visto facilmente ad occhio nudo durante la sua prima comparsa, ma le tracce lasciate erano così flebili che un'analisi molto attenta si è resa necessaria prima di risolvere il mistero, 340 anni dopo. I risultati appaiono sulla rivista Nature.
Alcuni dei più grandi astronomi del diciassettesimo secolo, includendo Hevelius — padre della cartografia lunare — e Cassini, documentarono con cura l'apparizione di una nuova stella nei cieli del 1670.  Hevelius la descrisse come nova sub capite Cygni — una nuova stella sotto la testa del Cigno — ma gli astronomi la conoscono ora con il nome di Nova Vulpeculae 1670 [1]. I resoconti storici di novae sono rari e di grande interesse per i moderni astronomi. Nova Vul 1670 sarebbe sia la nova più antca registrata, sia la più flebile ad esser dopo recuperata.
The remnant of the nova of 1670 seen with modern instruments
I resti della nova del 1670, visti coi moderni strumenti. Crediti: ESO/T. Kamiński

[1] Questo oggetto è situato tra i confini della moderna costellazione  Vulpecula (la Volpe), appena passati i confini di Cygnus (il Cigno). Ci si riferisce ad essa anche come Nova Vul 1670 e CK Vulpeculae, la sua designazione come stella variabile.
The position of Nova Vul 1670 in the constellation of Vulpecula
La posizione della Nova Vul 1670 nella costellazione Vulpecula. Crediti: ESO, IAU, e Sky & Telescope

Lo studio "Nuclear ashes and outflow in the eruptive star Nova Vul 1670", di Tomasz KamińskiKarl M. MentenRomuald TylendaMarcin HajdukNimesh A. Patel & Alexander Kraus, è stato pubblicato su Nature.
Wide-field view of the sky around Nova Vul 1670
Vista del cielo attorno a Nova Vul 1670, appena visibile al centro. Crediti: ESO/Digitized Sky Survey 2. Riconoscimenti: Davide De Martin

Link: Nature; testi e immagini adattati da ESO
Crediti per il video: ESO/Digitized Sky Survey 2/N. Risinger (skysurvey.org) Ringraziamenti: Davide De Martin; Musica: Johan B. Monell (www.johanmonell.com).
 


I santi in Danimarca e Svezia dall'undicesimo al tredicesimo secolo

25 Marzo 2015
DR_290_Sövestad_1
I santi esistono in varie forme nelle religioni e nelle ideologie, e il Cristianesimo non fa ovviamente eccezione. Quando il Cristianesimo giunse in Scandinavia, il culto dei santi era già integrato nella struttura amministrativa romano.
Una nuova tesi di dottorato dall'Università di Goteborg, "Creating Holy People and Places on the Periphery. A Study of the Emergence of Cults of Native Saints in the Ecclesiastical Provinces of Lund and Uppsala from the Eleventh to the Thirteenth Centuries", opera di Sara E. Ellis Nilsson, prende in esame i santi nativi di Danimarca e Svezia, che sorsero durante la cristianizzazione di queste province e prima del tredicesimo secolo.
Tra le fonti utilizzate nel lavoro vi sono manoscritti liturgici e frammenti, iconografia e diploma. Alcuni santi erano martiri, altri furono canonizzati per le opere. Mentre in Danimarca per la canonizzazione era necessario l'intervento del papato, così non era in Svezia.
Link: Università di Goteborg; Past Horizons
La pietra runica Sövestad 1 DR 290 (Krageholm), da Skåne, ritrae un uomo che trasporta una croce. Foto da WikipediaPubblico Dominio, caricata e di Ole E. Henriksen.
 


Un caso di cancro di 4200 anni fa in Egitto

24 - 25 Marzo 2015
La moderna percezione del cancro è quella di una malattia non esistente in antichità. In realtà, nell'ultimo anno vi sono state segnalazioni in senso contrario: prima una donna di 3200 anni fa dalla Nubia, quindi la Principessa dell'Altai di 2500 anni fa, poi un uomo siberiano di 4500 anni fa. Un team spagnolo presenta ora un'altro caso, di una donna adulta vissuta 4200 anni fa in Egitto, durante la Sesta dinastia faraonica.
https://twitter.com/MailOnline/status/580611141832982528
 
https://twitter.com/cancerolizer/status/580530613804990464
Link: The Daily Mail; Huffington Post; Reuters


Il collo di bottiglia della riproduzione nel Neolitico

24 - 25 Marzo 2015
640px-Néolithique_0008
Un'analisi di 456 cromosomi Y, provenienti da tutto il mondo e   trasmessi chiaramente per via maschile, ha rivelato un collo di bottiglia risalente agli ultimi 10 mila anni. Cosa significa questo? Che solo pochi maschi riuscirono a passare il loro DNA alle generazioni successive: per la precisione, uno ogni diciassette femmine. Non bisogna stupirsi: ancora oggi esistono gruppi umani nei quali la disponibilità delle donne è riservata al capo. Più difficile appare trovare oggi i meccanismi coi quali si poteva rendere questa situazione accettabile a tutti i membri della società.
[Dall'Abstract: ] Si ritiene comunemente che la diversità genetica umana nelle popolazioni non africane si sia modellata essenzialmente con una dispersione "fuori dall'Africa" di 50 - 100 migliaia di anni fa. Nello studio si presentano 456 sequenze di cromosomi Y ad alta copertura e differenziati geograficamente, inclusi 299 nuovi campioni. [...] In contrasto con le ricostruzioni basate sul mtDNA, si implica qui un secondo collo di bottiglia forte nelle stirpi di cromosomi Y, e datato agli ultimi 10 mila anni. Si ipotizza che questo collo di bottiglia sia causato da cambiamenti culturali che influenzano la varianza del successo riproduttivo tra i maschi.
Lo studio "A recent bottleneck of Y chromosome diversity coincides with a global change in culture", di Monika KarminLauri SaagMário VicenteMelissa A. Wilson SayresMari JärveUlvi Gerst TalasSiiri RootsiAnne-Mai IlumäeReedik MägiMario MittLuca PaganiTarmo PuurandZuzana FaltyskovaFlorian ClementeAlexia CardonaEne MetspaluHovhannes SahakyanBayazit YunusbayevGeorgi HudjashovMichael DeGiorgioEva-Liis LoogväliChristina EichstaedtMikk EelmetsGyaneshwer ChaubeyKristiina TambetsSergei LitvinovMaru MorminaYali XueQasim AyubGrigor ZoraqiThorfinn Sand KorneliussenFarida AkhatovaJoseph LachanceSarah TishkoffKuvat MomynalievFrançois-Xavier RicautPradiptajati KusumaHarilanto RazafindrazakaDenis PierronMurray P. CoxGazi Nurun Nahar Sultana, Rane WillerslevCraig MullerMichael WestawayDavid LambertVedrana SkaroLejla KovačevićShahlo TurdikulovaDilbar DalimovaRita KhusainovaNatalya TrofimovaVita AkhmetovaIrina KhidiyatovaDaria V. LichmanJainagul IsakovaElvira PocheshkhovaZhaxylyk SabitovNikolay A. BarashkovPagbajabyn NymadawaEvelin MihailovJoseph Wee Tien SengIrina EvseevaAndrea Bamberg MiglianoSyafiq AbdullahGeorge AndriadzeDragan PrimoracLubov AtramentovaOlga UtevskaLevon YepiskoposyanDamir MarjanovićAlena KushniarevichDoron M. BeharChristian GilissenLisenka VissersJoris A. VeltmanElena BalanovskaMiroslava DerenkoBoris MalyarchukAndres MetspaluSardana FedorovaAnders ErikssonAndrea ManicaFernando L. MendezTatiana M. KarafetKrishna R. VeeramahNeil BradmanMichael F. HammerLudmila P. OsipovaOleg BalanovskyElza K. KhusnutdinovaKnut JohnsenMaido RemmMark G. ThomasChris Tyler-SmithPeter A. UnderhillEske WillerslevRasmus NielsenMait MetspaluRichard Villems e Toomas Kivisild, è stato pubblicato su Genome Research.
Link: Genome Research; Ars Technica
Figurina antropomorfica del Neolitico, foto © Michael Greenhalgh
(Source :http://rubens.anu.edu.au/raider5/greece/thessaloniki/museums/archaeological/neolithic/
With full permission, transmitted to [email protected]), da WikipediaCC BY-SA 2.5, caricata da 120.