Relitto della Guerra di Secessione dalla Carolina del Nord

7 Marzo 2016
1024px-North_Carolina_in_United_States.svg
Grazie al sonar, il 27 Febbraio si sono individuati i resti di una nave a vapore con scafo in ferro, risalente all'epoca della Guerra Civile Americana. Il relitto è nella Carolina del Nord, vicino l'isola di Oak.
La nave non è stata identificata, ma potrebbe trattarsi di un violatore di blocco dei Confederati. Erano estremamente veloci per l'epoca. Nell'area risultano perse tre navi: la Agnes E. Fry, la Spunkie e la Georgianna McCaw.
Link: CNN; The Guardian via Reuters; The History Blog; Star News OnlineGizmodo; Associated Press; Live Science; ABC News.
La Carolina del Nord, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Usa edcp location map.svg (by Uwe Dedering). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  USA Hawaii location map.svg (by NordNordWest). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Canada location map.svg (by Yug). )


Dai relitti e dagli anelli degli alberi, informazioni sull'uragano atlantico

7 Marzo 2016

L'uragano Katrina, il 28 Agosto 2005. Credit: NOAA
L'uragano Katrina, il 28 Agosto 2005. Credit: NOAA

Valutare l'influenza del cambiamento climatico sull'attività dell'uragano atlantico è di cruciale importanza, eppure la quantità limitata di registrazioni in merito incide sulla possibilità di effettuare proiezioni.
Un nuovo studio, pubblicato su PNAS, ha studiato la variabilità dell'uragano atlantico (a partire dal 1500), utilizzando le registrazioni relative ai relitti spagnoli nei Caraibi (1495-1825) e agli anelli degli alberi (da Florida Keys, 1707-2009). Gli autori sono così giunti alla conclusione che tra il 1645 e il 1715, periodo noto come Minimo di Maunder e caratterizzato dalla più notevole riduzione nell'attività solare (oltre che da basse temperature nel Nord Atlantico), si è pure verificato il minor numero di uragani.
Gli studiosi hanno pure utilizzato due testi per l'elenco dei relitti nell'area: "Shipwrecks in the Americas: A Complete Guide to Every Major Shipwreck in the Western Hemisphere" di Robert F. Marx e "Shipwrecks of Florida: A Comprehensive Listing" di Steven D. Singer.
Gli autori dello studio hanno utilizzato questa conta dei relitti per creare registrazioni degli uragani fino al 1500. Credit: Valerie Trouet, University of Arizona
Gli autori dello studio hanno utilizzato questa conta dei relitti per creare registrazioni degli uragani fino al 1500. Credit: Valerie Trouet, University of Arizona

Sapere che una pausa degli uragani caraibici corrisponde a un periodo di diminuita radiazione solare può permettere di comprendere meglio l'influenza dei grandi cambiamenti delle radiazioni, anche derivanti da attività antropiche (come per i gas serra).
Leggere di più


I relitti del Golfo del Messico e gli ecosistemi delle profondità marine

22 Febbraio 2016

Il ROV colleziona sedimenti per l'analisi microbiologica e geochimica (2014). Credit: BOEM
Il ROV colleziona sedimenti per l'analisi microbiologica e geochimica (2014). Credit: BOEM

Ci sono oltre duemila relitti nel Golfo del Messico, che coprono un arco di tempo di 500 anni: si va dalle navi degli esploratori spagnoli del sedicesimo secolo a quelle della Guerra Civile Americana e, passando per la Seconda Guerra Mondiale, arrivano ai nostri giorni.
Oltre ad avere una rilevanza storica e culturale, i relitti sono ormai parte dell'ecosistema nelle profondità degli oceani, formando una sorta di barriera corallina artificiale. La presenza di un relitto influenza pure la presenza dei microbi sul fondale.
Scansione laser 3D dell'U-166, che affondò durante la Seconda Guerra Mondiale nel Golfo del Messico. Credit: BOEM/C&C Technologies, Inc.
Scansione laser 3D dell'U-166, che affondò durante la Seconda Guerra Mondiale nel Golfo del Messico. Credit: BOEM/C&C Technologies, Inc.

Un nuovo studio ha esaminato gli effetti del disastro ambientale della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, che ha riversato 4 milioni di barili di petroli in mare. Si sono così alterate le comunità di microbi, pure presenti in quegli ecosistemi formatisi presso gli antichi relitti. Lo studio si è anche occupato di proporre le modalità per monitorare gli effetti del riversamento. L'esposizione al petrolio comporta poi una corrosione più rapida del metallo dei relitti. Si sono pure rilevati più sedimenti attorno ad un U-Boot tedesco, ma si deve ancora comprendere se si tratta di un effetto naturale o legato al disastro. Il sottomarino è stato oggetto di osservazioni sin dalla scoperta, nel 2001.
Leila Hamdan, della George Mason University e Melanie Damour del Bureau of Ocean Energy Management, preparano il ROV (2014). Credit: BOEM/Dan Warren, C&C Technologies.
Leila Hamdan, della George Mason University e Melanie Damour del Bureau of Ocean Energy Management, preparano il ROV (2014). Credit: BOEM/Dan Warren, C&C Technologies.

Link: EurekAlert! via American Geophysical Union


Gli Inuit e la spedizione di Franklin

10 Febbraio 2016
'Erebus'_and_the_'Terror'_in_New_Zealand,_August_1841_by_John_Wilson_Carmichael
Gli Inuit hanno contribuito attivamente al ritrovamento del relitto dell'HMS Erebus, la nave di John Franklin che affondò nel 1845. I loro racconti furono riferiti già nel 1854 all'esploratore britannico John Rae, e poi nel 1859 alla moglie di Franklin, Jane.
https://twitter.com/PCArchaeology/status/692467787495784449
Le due navi rimasero intrappolate nel ghiaccio per 18 mesi circa, periodo durante il quale morirono Franklin e 23 membri dell'equipaggio. I sopravvissuti tentarono allora la via verso sud, fallendo. Gli Inuit provarono a recuperare le navi, ma queste affondarono prima che il tentativo giungesse a compimento.
Gli Inuit mantennero però vive le storie legate a quegli eventi (e del ricorso al cannibalismo da parte dei membri dell'equipaggio), contribuendo con esse al ritrovamento del relitto.
https://twitter.com/PCArchaeology/status/688156307686166528
L’HMS Erebus è la nave di John Franklin che partecipò alla sfortunata spedizione del 1845, partita alla ricerca del Passaggio a Nord-Ovest.
Link: University of Toronto - Mississauga; Canadian GeographicThe Mississauga News.
‘Erebus’ and the ‘Terror’ in New Zealand, August 1841, di John Wilson Carmichael, olio su tela dal National Maritime Museum, Greenwich, London; da Wikipedia, Public Domain, Uploaded by Proktolog.


I relitti del Golfo di Danzica sono online

10 Febbraio 2016

I relitti del Golfo di Danzica a disposizione online

MTAyNHg3Njg,21480685_21439670

Gli artefici del "Museo Virtuale dei Relitti" vi invitano a esplorare le sei navi affondate nel Golfo di Danzica. I modelli presentati sono ricostruzioni dettagliate dei veri e propri relitti sul fondo del Mar Baltico.
"L'obiettivo principale e scopo del progetto è quello di preparare una documentazione 3D fotogrammetrica dei relitti delle navi in legno dal Golfo di Danzica" - ha affermato il dott. Tomasz Bednarz, archeologo subacqueo presso il Museo Marittimo Nazionale (National Maritime Museum - NMM), che supervisiona il lavoro. Gli altri membri del team coinvolti nella preparazione della documentazione fotogrammetrica 3D sono Janusz Różycki, Wojciech Joński e Zbigniew Jarocki.
MTAyNHg3Njg,21480685_21439669
Gli archeologi sottomarini vedono i relitti sottomarini delle profondità in un modo che ora chiunque può visionare sullo schermo del suo computer. Gli impiegati del Museo hanno notato, ad ogni modo, che durante un'immersione i sommozzatori non sono in grado di vedere l'intero relitto a causa della visibilità sottomarina, che non supera i 2-3 metri - mentre gli utenti di Internet possono farlo. Inoltre, gli utenti possono manipolare l'immagine attorno al suo asse. Secondo gli autori, le preparazioni per il lancio del progetto di un museo virtuale hanno richiesto più di un anno. Durante quel periodo ci sono volute più di 60 mila fotografie di oggetti sottomarini, che hanno permesso di presentarli in forma tridimensionale.
"Al Museo Marittimo Nazionale, per oltre due anni abbiamo sviluppato il metodo della documentazione subacquea, che è collegato alla realizzazione di modelli fotogrammetrici 3D dei relitti, e in un certo senso siamo esperti del campo. Per ogni oggetto scattiamo diverse migliaia di fotografia, che un computer poi combina in un modello 3D dettagliato" - così spiega Tomasz Bednarz.
Il risultato del lavoro degli scienziati è un museo virtuale, nel quale si possono vedere i più importanti relitti del Golfo di Danzica. Al momento ci sono 6 relitti, ma per la fine dell'anno altri 13 saranno aggiunti. Negli anni a seguire, il "museo" sarà sistematicamente esteso con ulteriori vascelli. In aggiunta ai modelli 3D, il sito contiene informazioni dettagliate sui vascelli affondati - dati sulle circostanze della scoperta, utilizzo del vascello, oggetti scoperti durante la ricerca sottomarina. Attualmente, il database contiene molti velieri dal diciottesimo e diciannovesimo secolo. La nave più antica è la Solen che affondò durante la battaglia di Oliwa nel 1627.
Gli utenti di smartphone possono anche guardare ai relitti utilizzando apparecchiature di realtà virtuale come Google Cardboard o Oculus DK1 e DK2. "Questo rende più intensa l'esperienza 3D dei siti sottomarini presentati" - questo l'incoraggiamento degli autori.
La creazione del sito web http://www.wsw.nmm.pl/ è parte di un progetto di ricerca biennale "Museo Virtuale dei relitti del Golfo di Danzica. Registrazione e inventario del patrimonio archeologico subacqueo", che ha ricevuto sussidi dal Ministero della Cultura e del Patrimonio Culturale Nazionale.
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione. Foto: Materiali per la stampa del NMM.

Turchia: relitto di quattromila anni fa dal Golfo di Hisarönü

30 Gennaio - 3 Febbraio 2016
Muğla_in_Turkey.svg
Un relitto di quattromila anni fa circa è stato scoperto a quaranta metri di profondità nel Golfo di Hisarönü, presso Marmaris nella provincia turca di Muğla. Risalirebbe alla civiltà minoica. La nave è stata ritrovata nell'ambito del progetto sul patrimonio subacqueo della Turchia. Si tratta di uno dei più antichi relitti per queste acque.
Link: Daily Sabah; Hurriyet Daily News via Anadolu Agency
La provincia occidentale di Muğla in Turchia, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da TUBS (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Turkey location map.svg (by NordNordWest).)


Ritrovato il relitto dell'U-31, affondato il 13 Gennaio 1915

21 - 24 Gennaio 2016
1024px-German_Submarine_U38
Dopo oltre un secolo, si è ritrovato il relitto del sottomarino tedesco U-31, salpato da Wilhelmshaven il 13 Gennaio 1915 per un pattugliamento di routine, e del quale non si ebbero più notizie dopo poco tempo.
Già allora si riteneva che fosse affondato a causa di una mina. Perirono allora quattro ufficiali e altri 31 membri dell'equipaggio, probabilmente avvelenati da una perdita di gas. Divenne tuttavia l'oggetto di una leggenda per la quale sei mesi dopo sarebbe giunto sulle rive dell'Est dell'Inghilterra, con tutti i membri dell'equipaggio deceduti ma ancora a bordo.
È stato ritrovato a 30 metri di profondità e a 91 km ad est di Caister-on-Sea, al largo della costa del Norfolk. Gli archeologi considerano notevoli le condizioni del relitto, che ancora possiede la torre di comando.
https://youtu.be/5lT3CZs7u9o
Link: Scottishpower Renewables; BBC NewsThe History Blog; The Telegraph; The Guardian via AFP; Sky News; ITV.
L'U-38, un sottomarino del tipo dell'U-31, foto dell'Oberleutnant zur See Hans Wendlandt (Entnommen aus „U38 - Wikingerfahrten eines deutschen U-Bootes“ von Korvettenkapitän Max Valentiner, Ullstein: Berlin 1934). Da WikipediaPubblico Dominio.


Relitto degli inizi dell'Ottocento scoperto durante le ricerche dell'MH370

13 - 14 Gennaio 2016
Indian_Ocean_bathymetry_srtm
Le ricerche in corso nell'Oceano Indiano, condotte al fine di ritrovare elementi riguardanti il volo Malaysia Airlines Flight MH370, hanno portato al ritrovamento di un relitto, che sembra appartenere a una nave da cargo dei primissimi anni del diciannovesimo secolo.
Dalle immagini sonar il relitto (con parti in ferro o acciaio) sembrerebbe essere in uno stato di conservazione eccezionalmente buono. Da queste sarebbe possibile vedere l'ancora, palle nere (forse carbone) e altri manufatti.
Link: Australian Government - Australian Transport Safety BureauThe History Blog; Live Science; BBCThe Guardian; IndependentTelegraphCNN; ABC.net.au; Quartz.
L'Oceano Indiano, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Cdc~commonswiki (Topographic/bathymetric map of the Indian Ocean region. Source data: SRTM30_plus 30 arc-second satellite elevation data. Projection: Winkel I, central median E 80 deg. WGS84 datum. Projected and hillshaded using ESRI ArcGIS 9.0. Uploaded by the creator).


Ritrovati i relitti dall'incidente che coinvolse la flotta baleniera nel 1871

6 Gennaio 2016
1871_Whaling_Disaster
Nel Settembre del 1871 si verificò presso la costa settentrionale dell'Alaska un incidente che coinvolse ben 33 navi della flotta baleniera americana. Queste rimasero intrappolate nel ghiaccio artico: i 1200 marinai coinvolti furono poi salvati da sette navi.

L'area dei rilevamenti. Credit: NOAA
L'area dei rilevamenti. Credit: NOAA

Sebbene non sia morto nessuno, l'episodio costituì un durissimo colpo per l'industria baleniera. La flotta del New Bedford (Massachussets) fu particolarmente colpita, perdendo gran parte dei vascelli. In conclusione, a questo evento si ricollega probabilmente il declino dell'industria baleniera americana.
Una piccola ancora e altri reperti. Credit: NOAA
Una piccola ancora e altri reperti. Credit: NOAA

Sulla base dei rilevamenti, facilitati dallo scioglimento dei ghiacci a causa del cambiamento climatico, i resti di due relitti e parti di altri vascelli sono stati identificati. Molti i reperti, pure: ancore, zavorre, viti e vasi per ricavare l'olio di balena, ecc. I relitti sono ancora infestati dalla fauna marina: è possibile vedere granchi, ma soprattutto mitili. Nonostante questo e le condizioni del ghiaccio, gli studiosi ritengono che i relitti siano in condizioni tutto sommato buone.
Link: NOAA; The Guardian; Washington Post; National GeographicLive Science; History; USA Today.
Il disastro della flotta baleniera del 1871, The Boston Globe - The Boston Globe, Apr. 11, 1915 issue, p. 33. Da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Cbaer.
 


Turchia: reperti preistorici e manufatti di oltre mille anni fa da Yenikapı

5 Gennaio 2016
Steelyard_weight_Eleutherion
Gli scavi nell’area di Yenikapı, presso Istanbul, hanno fatto ora emergere le orme degli abitanti neolitici, oltre a manufatti come remi di canoe (8000 mila anni fa) e cucchiai in osso.
Gli scavi in quello che era il Porto di Eleuterio (poi noto come Porto di Teodosio), hanno invece fatto ritrovare recentemente un pettine in legno e un'anfora di 1200 anni fa, zoccoli di 1500 anni fa, una testa d'avorio di 1600 anni fa, noccioli di ciliegie da un relitto di 1200 anni fa.
Link: Hurriyet Daily News
Un peso ritrovato presso il Porto di Teodosio, foto da WikipediaCC BY-SA 4.0, caricata da e di Gryffindor.