6 – 19 Ottobre 2015
800px-Kittyply_edit1
Solo pochi anni fa (2010) fece scalpore la vicenda di Beppe Bigazzi, che durante la trasmissione “La prova del cuoco”, rievocò il consumo di carne di gatto negli anni ’30 e ’40 in Valdarno.
Nelle gran parte delle società occidentali, difatti, la pratica costituisce un tabù: solo in pochissime aree ci si sognerebbe di mangiare il proprio animale domestico.
Tuttavia, non è così ovunque nel mondo. In Asia, 4 milioni di gatti vengono consumati ogni anno, per preferenza o superstizione, oltre che per insicurezza alimentare. Anche in Africa l’animale viene mangiato.
Un nuovo studio ha esaminato il consumo di carne di gatto in Madagascar (dove anche a causa dell’instabilità politica la pratica è aumentata), e le ripercussioni della cosa sulla salute pubblica. Ben il 34% degli intervistati ha consumato la carne di gatto nell’ultima decade, ma questo sarebbe stato determinato da opportunismo: si tratta di gatti regalati, o che si sono acquisiti in modo casuale (ad esempio, a seguito di un incidente). Non si tratterebbe perciò di una risposta alle difficoltà economiche. Per questo motivo, la cosa può costituire un rischio per la salute pubblica e per la diffusione di determinate malattie (tra cui la toxoplasmosi).
Lo studio “Consumption of Domestic Cat in Madagascar: Frequency, Purpose, and Health Implications”, di Raymond Czaja, Abigail Wills, Sahondra Hanitriniaina, Kim E. Reuter & Brent J. Sewall, è stato pubblicato su Anthrozoös: A multidisciplinary journal of the interactions of people and animals.
Link: Anthrozoös: A multidisciplinary journal of the interactions of people and animals; Taylor & Francis Newsroom.
Gatto, foto di David Corby (Edited by: AradImage:Kittyplya03042006.JPG), da WikipediaCC BY 2.5, caricata da Arad.